Novak Djokovic vince la causa contro il governo australiano e ottiene l’annullamento della cancellazione del visto per giocare agli Australian Open

Lunedì la Corte federale australiana ha annullato la decisione di annullare il visto del tennista serbo Novak Djokovic e ha ordinato il suo rilascio da un hotel di detenzione...

Novak Djokovic vince la causa contro il governo australiano e ottiene l'annullamento della cancellazione del visto per giocare agli Australian Open

Lunedì la Corte federale australiana ha annullato la decisione di annullare il visto del tennista serbo Novak Djokovic e ha ordinato il suo rilascio da un hotel di detenzione per immigrati a Melbourne. Secondo il giudice del caso, Anthony Kelly, l’ordinanza del governo non era ragionevole e l’atleta recupererà il passaporto e sarà autorizzato a rimanere nel Paese.

Il messaggio di Djokovic su Twitter:

Il tennista serbo Novak Djokovic ha parlato dopo che la Corte federale australiana ha annullato la decisione di annullare il suo visto e ordinato il rilascio dell’atleta da un hotel di detenzione per immigrati a Melbourne. Djokovic ha annunciato tramite una pubblicazione sul suo account Twitter che ‘nonostante tutto quello che è successo’, preferisce rimanere nel Paese ‘e provare a competere agli Australian Open‘.

Tuttavia, è stato riferito che il fatto che il tennista abbia vinto il processo, non garantisce la sua partecipazione agli Australian Open, poiché è stato avvertito che il ministro dell’Immigrazione potrebbe ancora usare il suo potere personale per annullare il visto di Djokovic e costringerti ad allontanarsi dal nazione.

Allo stesso modo, l’avvocato del governo Christopher Tran ha osservato che, se il ministro Alex Hawke fosse intervenuto nella decisione usando i suoi poteri esecutivi, il tennista sarebbe stato bandito dall’Australia per tre anni.

Da parte sua, il team di avvocati di Djokovic ha affermato che l’atleta era ‘completamente confuso’ durante l’interrogatorio notturno a cui è stato sottoposto in aeroporto dalla situazione in cui era coinvolto. Hanno anche notato che il tennista è stato detenuto nell’ex Park Hotel, una struttura di cinque piani che ospita circa 32 immigrati, e la sua richiesta iniziale di essere trasferito in una struttura adatta per l’allenamento per gli Australian Open è stata respinta.

Djokovic avrebbe dovuto competere all’Australian Open, che si svolgerà dal 17 al 30 gennaio, ed è arrivato all’aeroporto di Melbourne mercoledì, ma non gli è stato permesso di entrare nel paese. L’Australian Border Force ha riferito che la star serba ‘non aveva presentato le prove appropriate per soddisfare i requisiti di ingresso’ in quel paese.

Questo sabato si è appreso che Djokovic, che non è vaccinato, era risultato positivo al covid-19 in un test PCR effettuato il 16 dicembre. Tuttavia, le autorità per l’immigrazione hanno deciso di annullare il suo visto, sostenendo che ‘la precedente infezione da covid-19 non è considerata una controindicazione medica per la vaccinazione contro il covid-19 in Australia’ e che il tennista è un viaggiatore internazionale che è le regole di biosicurezza e tutti i requisiti corrispondenti si applicano per entrare nel territorio nazionale in condizioni di pandemia.