Milan-Juve 1-1, il pari della discordia

Non accennano a placarsi le polemiche dopo questo anticipo tra Milan e Juve finito in pareggio. Già durante l’intervallo le prime polemiche e contestazioni. L’ad rossonero Adriano Galliani,...



Scritto da Federico Spadaro, Aggiornamento lunedì 27/02/2012, in Calcio


Non accennano a placarsi le polemiche dopo questo anticipo tra Milan e Juve finito in pareggio. Già durante l’intervallo le prime polemiche e contestazioni.

L’ad rossonero Adriano Galliani, che poi lascerà lo stadio ufficialmente per problemi di pressione, prima della fine del primo tempo si piazza già all’ingresso del sottopassaggio in attesa del direttore di gara Tagliavento. Galliani inveisce contro l’arbitro: ” Di un metro era dentro! di un metro!“, e contro Conte: “Continuate a lamentarvi, visto che le lamentele pagano!“, ma il tecnico bianconero gli replica prontamente: “Senti da che pulpito, qui è la mafia“. Conte a freddo  tenta di minimizzare lo scambio di “battute” avute con Gallliani: “E’ stato solo uno scambio di opinioni. Ma quando salgo dal sottopasaggio non mi aspetto di trovare gente che mi insulta.

Però a volte capita“. Conte prova anche a stemperare le polemiche per ritrovare un clima più distensivo: “Mi dispiace che questa sfida sia stata tropo caricata da tutti quanti. C’era un ambiente non bello per lo sport. La cosa più bella è stata la partita, per tutto il resto dobbiamo migliorare: io per primo“. Il tecnco rossonero Massimiliano Allegri, da buon toscano, si affida invece all’ironia, ed esordisce così. “Il gol non dato? non parlo senza il permesso di Marotta..”, prosegue poi commentando la svista arbitrale sul secondo gol dei suoi non assegnato dall’arbitro.

Ma ormai è già tempo di archiviare questo Milan-Juventus che verrà ricordato come il pari della discordia e delle polemiche a oltranza.