GP Monaco F1 2015: vince Rosberg solo perche’ ai box Mercedes richiamano (per errore) Hamilton sul finale

Il tedesco Nico Rosberg, su Mercedes, ha vinto il Gran Premio di Monaco, sesta prova del mondiale di Formula 1, conquistando il suo terzo successo di fila a...



Scritto da Roberto Guida, Aggiornamento lunedì 25/05/2015, in Motori


GP Monaco F1 2015: vince Rosberg solo perche' ai box Mercedes richiamano (per errore) Hamilton sul finale

Il tedesco Nico Rosberg, su Mercedes, ha vinto il Gran Premio di Monaco, sesta prova del mondiale di Formula 1, conquistando il suo terzo successo di fila a Montecarlo. Secondo posto sul podio per la Ferrari di Sebastian Vettel, terzo l’altra Mercedes di Lewis Hamilton il quale dopo la pole position stava dominando la corsa fino all’uscita negli ultimi giri della safety car: a quel punto e’ stato richiamato ai box e quando e’ rientrato si e’ ritrovato terzo per un soffio.

Sesto Kimi Raikkonen con la seconda Ferrari. Il quarto posto è andato al russo della Red Bull Daniil Kvyat, mentre il compagno di squadra Daniel Ricciardo ha chiuso quinto. A punti sono andati anche Sergio Perez con la Force India, settimo, Jenson Button (McLaren), ottavo, Felipe Nasr sulla Sauber, nono, e infine, decimo, Carlos Sainz jr (Toro Rosso).

Non so cosa sia successo. E’ un errore incredibile e non so perche’” dice Niky Lauda, presidente non esecutivo della Mercedes commentando a caldo ai microfoni di Rai 1 l’errore di strategia che e’ costata la vittoria a Lewis Hamilton. “Lewis sara’ arrabbiato e noi dobbiamo chiedergli scusa, ma quello che e’ accaduto e’ inaccettabile” aggiunge l’ex tre volte campione del mondo che sulla vittoria dell’altro pilota Mercedes, Nico Rosberg, dice: “E’ stato perfetto, ha fatto una buona corsa, ha vinto bene anche se per un errore, perche’ Lewis era piu’ veloce”.

Nico Rosberg, sicuramente meno veloce del compagno di team Lewis Hamilton, alla fine vince per il terzo anno di fila il Gran Premio di Monaco, approfittando di un errore si strategia del box del compagno di squadra. “Nelle corse a volte va cosi’. Io sono contento di aver potuto approfittare della situazione” commenta nelle interviste sul podio; mentre su quanto accaduto ad Hamilton, riferisce: “Non posso dire nulla, siamo in due vetture diverse. E’ difficile capire le decisioni prese”, mentre sugli ultimo otto giri di gara dopo il rientro ai box della safety car, ricorda come sia stato “difficile ripartire con le soft che erano fredde, ma mi e’ andata bene”. “So che sono stato fortunato e apprezzo il momento – aggiunge – ma devo lavorare duramemte perche’ Lewis (Hamilton) era piu’ veloce di me e dovro’ prepararmi per il prossimo Gran Premio”.

Sesto sulla griglia di partenza e sesto anche all’abbassarsi della bandiera a scacchi. Per Kimi Raikkonen un Gran Premio di Monaco sotto tono. “Semplicemente ho seguito le altre vetture. Poi siamo riusciti a superare una Red Bull al pit stop ma era difficile fare altri sorpassi in pista” commenta il pilota finlandese della Ferrari ai microfoni di Rai 1. “Iceman”, poi, raccontando il contatto nei giri finali con la Red Bull di Daniel Ricciardo, aggiunge: “Non puo’ essere normale un incidente di percorso. Io ero sulla mia linea e lui mi ha spinto fuori, ma i commissari hanno visto qualcos’altro e io non ci posso fare nulla”.