Formula 1 Gp Belgio 2017: orario e dove vederlo in streaming e diretta tv

Il weekend che ci apprestiamo a vivere è all’insegna dei motori. Lo spettacolo della Formula 1 torna, dopo la pausa iniziata al termine del Gp di Ungheria, con il...

Scritto da Gianfranco Portabene, Aggiornamento mercoledì 23/08/2017, in Motori

Formula 1 Gp Belgio 2017: orario e dove vederlo in streaming e diretta tv

Il weekend che ci apprestiamo a vivere è all’insegna dei motori. Lo spettacolo della Formula 1 torna, dopo la pausa iniziata al termine del Gp di Ungheria, con il Gran Premio del Belgio sul favoloso circuito di Spa-Francorchamps dove la Ferrari festeggerà 900 gran premi di storia. Vi avevamo salutati con la grande vittoria della Ferrari che vinceva con un Sebastian Vettel con lo sterzo storto e che mostrava una Mercedes in crisi.

Si riparte questo fine settimana con la classifica piloti che vede la Ferrari di Sebastian Vettel in testa a quota 202 punti e la Mercedes di Lewis Hamilton subito dietro a 188 punti. Terzo Bottas con 169 punti, poi Ricciardo a 117 e Kimi Raikkonen (fresco di rinnovo contratto con la Ferrari) a 116. La classifica costruttori vede invece Mercedes in testa con 357 punti e Ferrari che insegue a quota 318.

Dove vedere il Gran Premio del Belgio 2017 streaming e diretta tv

Diretta TV sui canali digitali di Sky Sport F1 HD (canale 207) e Sky Sport 1 HD (canale 201) con partenza gara prevista per le ore 14 di domenica 27 agosto 2017. Video streaming gratis (per gli abbonati) con l’app Sky Go utilizzabile con laptop, computer, smartphone e iphone. Now TV a pagamento per tutti.

La Rai invece si occuperà delle varie repliche attraverso i canali tv di Rai Sport e Rai Due, ed il video streaming di Rai Play per quanto riguarda il web, rigorosamente in HD.

Orari del fine settimana del #BelgianGP di Formula 1 2017

Venerdì 25 agosto > Prove Libere 1 dalle 10 alle 11:30
Venerdì 25 agosto > Prove Libere 2 dalle 14 alle 15:30
Sabato 26 agosto > Prove Libere 3 dalle 11 alle 12
Sabato 26 agosto > Qualifiche Gp Belgio F1 dalle 14
Domenica 27 agosto > Partenza Gara Gp Belgio F1 dalle 14

Il tweet dell’altruismo al Gp del Belgio 1992 con Ayrton Senna

Il tweet nel ricordare la vittoria di Michael Schumacher a Spa nel 1995

Curiosità e statistiche in vista del Gp del Belgio di Formula 1 2017

Si disputera’ la 62esima edizione del GP del Belgio che e’ stato corso su 3 differenti circuiti: Spa-Francorchamps, Zolder e Nivelles. E’ presente nel calendario dal 1950, con l’eccezione di sei edizioni (1957, 1959, 1969, 1971, 2003, 2006).

Sara’ la 50esima edizione corsa sul circuito di Spa-Francorchamps, che diventa cosi’ il quarto tracciato nella storia della F1 a raggiungere questo traguardo dopo Monza (66), Montecarlo (64) e Silverstone (51).

Questo e’ nettamente il circuito piu’ lungo all’interno del calendario attuale della Formula1: con i suoi 7004 metri sopravanza di molto i 6003 di Baku e i 5891 di Silverstone.

Il pilota piu’ vittorioso in Belgio e’ Michael Schumacher con 6 successi e 9 podi, mentre il terzetto Fangio-Prost-Senna comanda nelle pole position (4) e ancora Prost svetta nei giri veloci (6).

La Ferrari si e’ sempre trovata bene sui circuiti belgi, tant’e’ che comanda in tutte le voci statistiche: vittorie (16), pole position (13), podi (45) e giri veloci (17). Ma l’ultimo successo risale a 8 anni fa, mentre l’ultima pole addirittura a 10.

23 volte su 61, ovvero il 37,7% sul totale, ha vinto chi e’ scattato dalla pole (17 a Spa, 5 a Zolder, 1 a Nivelles), l’ultima Rosberg nel 2016.

Oggi Hamilton raggiunge quota 200 GP in carriera: diventa cosi’ il 17esimo pilota nella storia a tagliare questo traguardo, il quarto in attivita’ dopo Alonso, Raikkonen e Massa.

Se Hamilton conquistasse la pole position qui in Belgio, eguaglierebbe il record di sempre di 68 pole di Michael Schumacher, stabilito 11 anni fa.

Con quella della scorsa gara, la Ferrari ha ora conquistato due doppiette nelle ultime sei gare (Montecarlo e Ungheria), dopo che in precedenza non ne aveva conquistata neanche una per 140 gare consecutive (ultima in Bahrain 2010).

Quella dell’Hungaroring e’ stata la terza volta con una prima fila tutta Ferrari in questa stagione, dopo che il Cavallino non ne aveva conquistata neanche una nelle ultime otto stagioni messe insieme.

Quella in Ungheria e’ la terza gara in stagione in cui nessuna delle due Mercedes e’ partita in prima fila. Nelle ultime tre stagioni era successo complessivamente solo due volte (una nel 2014, una nel 2015, zero nel 2016).

Raikkonen in Ungheria e’ salito a quota 37 podi in Ferrari, superando Massa al quarto posto nella storia della scuderia.

Vettel in Ungheria ha corso la sua 50esima gara con la Ferrari conquistando il suo 28esimo podio in rosso: solamente Barrichello aveva conquistato piu’ podi (29) nelle prime 50 gare col Cavallino.

Vettel all’Hungaroring e’ salito al quarto posto all-time per gare trascorse al comando con 85, superando Prost e Alonso fermi a quota 84 GP con almeno un giro in testa.

Se oggi Vettel percorresse 6 giri in testa, eguaglierebbe Senna al terzo posto all-time a quota 2931 giri al comando.

Con la vittoria dell’Hungaroring scattando dalla prima posizione, Vettel ha conquistato la 29esima accoppiata pole+vittoria: ha eguagliato cosi’ Senna al terzo posto all-time, dietro solo a Schumacher e Hamilton.

Raikkonen ha conquistato in Ungheria la 38esima prima fila in carriera, ed e’ entrato cosi’ tra i top 15 di tutti i tempi appaiando Jack Brabham. Per lui e’ stata la quarta volta in prima fila in questa stagione, non ne raccoglieva cosi’ tante in un anno dal 2008 (allora furono sei).

La Mercedes all’Hungaroring ha trovato il 142esimo podio nella sua storia, salendo cosi’ al quinto posto all-time dopo aver superato la Red Bull ferma a 141.

L’ultima volta che la Ferrari era partita in prima fila in almeno 9 delle prime 11 gare risaliva a 15 anni fa, alla stagione 2002 con Michael Schumacher e Rubens Barrichello.

L’assenza di Massa in Ungheria ha portato alla prima gara senza un brasiliano al via dal lontano GP di San Marino del 1982: e’ stata cosi’ interrotta una striscia di ben 605 gare consecutive con almeno un pilota verdeoro presente.

Se la Ferrari, la Haas o la Sauber conquistassero la pole, si tratterebbe della 213esima pole nella storia per un motore Ferrari, andando ad eguagliare il record dei motori Renault (che non conquistano una pole da Brasile 2013 con la Red Bull).

In Ungheria i primi cinque della griglia hanno concluso nella stessa medesima posizione anche al traguardo: una cosa del genere non accadeva da 255 GP (ultima volta quasi 14 anni fa, a Monza nel 2003).